L’Hotel Tirler è una magnifica struttura che accoglie i suoi ospiti tra relax, divertimento ed escursioni su percorsi naturalistici adatti a grandi e piccini. Alla fine della giornata non può mancare un tuffo nella piscina riscaldata all’aperto per godere al meglio della vista mozzafiato delle Dolomiti.

Stampa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

Che cosa vi aspettate maggiormente da una vacanza in montagna? Sole, neve, relax, attività all’aria aperta, tranquillità, divertimento, o qualcos’altro ancora? Certamente tutto questo assieme, sarà la risposta, e magari dell’altro, ma all’Alpe di Siusi, nel comune di Castelrotto in provincia di Bolzano, Veraclasse ha effettivamente trovato qualcosa di più.

In un breve fine settimana ci siamo resi conto che c’è effettivamente tanto altro da scoprire, da toccare con mano, sperimentare e poi pretendere. Sì perché pretendere di stare bene, a proprio agio, sentirsi coccolati è il sogno di ognuno di noi e, una volta scoperto il posto, è molto difficile farselo scappare. E il posto che abbiamo trovato e provato per voi è un’oasi a 4 stelle superior, situato a 1.750 metri di altezza nel bel mezzo del parco dell’Alpe di Siusi, nell’area naturale dell’Alto Adige, circondati dal patrimonio naturale dell’umanità Unesco delle Dolomiti. Dove si gode di un panorama a 360° in mezzo dell’altipiano più vasto d’Europa, di ben 56 kmq. Un posto unico per chiunque, ma soprattutto per le persone sofferenti di allergie.

Il complesso, inaugurato nel 2011, si chiama Tirler-Dolomites Living Hotel e dispone di 28 camere molto ampie, dai 40 ai 66 mq, con un’architettura ispirata dalla natura, costruita con legno, sasso, calce e argilla (per le pareti riscaldanti). Nelle pareti sono integrate ampie vetrate per poter godere in ogni momento dello splendido panorama circostante. Le nuove camere “Alpine Living” sono state costruite secondo le più recenti scoperte della bioedilizia, libere da radiazioni. Le suite hanno anche i piani riscaldanti in cucina, una vasca da bagno a forma di tinozza in legno, per due persone e una vera e propria “porta di casa” verso l’esterno, per garantire un massimo di libertà e privacy.

Il Tirler è stato certificato primo albergo d’Italia con il sigillo di garanzia Ecarf (European Centre of Allergical Research Foundation) e ha ottenuto il sigillo di garanzia come “Best Sleep Hotel Gold”. Un progetto davvero unico, sviluppato in collaborazione con istituti di biologia, professionisti ed esperti di salute ambientale e motologia. Nel ristorante, naturalmente biologico, la cucina gourmet mette assieme tradizione e innovazione, con piatti gustosi anche con incompatibilità a generi alimentari.

Eccezionale poi la Spa dopo una giornata in mezzo alla natura. Trentatré sono i gradi della doppia piscina, interna-esterna, con l’acqua arricchita di ossigeno puro. Poi una sauna panoramica tonificante alle erbe alpine, una Bio al cirmolo, una al fieno, bagno turco e zona relax, una Jacuzzi in mezzo alla neve e infine trattamenti Spa con prodotti autentici cosmetici dell’alpe, per un perfetto benessere in totale relax. Fra gli ingredienti dominano il pino cembro, il cui estratto ha un vigore vitalizzante e antisettico e gli odori influenzano positivamente sul battito del cuore, l’olio d’arnica (ha un effetto antinfiammatorio e lenitivo su muscoli e articolazioni), l’acqua certificata per la sua qualità e purezza della sorgente privata del Tirler (arriva da grande profondità ed è ricca di minerali e vitamine) e la quarzite d’argento dolomitica.

D’estate grandi escursioni tra i rifugi in mezzo a boschi e prati dove si possono scoprire oltre tremila specie tra animali e piante. Gli appassionati di mountain bike possono scegliere fra 33 itinerari diversi, con soste in rustiche baite. Non manca nemmeno il campo da golf a 18 buche, par 69, nel vicino paese di Castelrotte, fra ruscelli, laghetti e cascate. Bambini e famiglie invece possono ispirare i sensi sul sentiero delle sorgenti delle streghe, con escursionismo in una natura primitiva e incontaminata. Un vero e proprio parco giochi nella foresta sopra il Tirler.

Infine il più bel relax al sole sul grande terrazzo della Tirler Alm, premiata come la più bella baita dell’Alto Adige, dove si possono veramente “ricaricare le batterie” e dove, seguendo il concetto anti-allergico, non sono purtroppo accettati gli animali domestici.

Dulcis in fundo al Tirler dall’anno scorso è pure possibile sposarsi civilmente, con cerimonia all’esterno o all’interno e celebrante il sindaco di Castelrotto. Alcuni matrimoni, anche arcobaleno, hanno goduto di questo angolo di paradiso per una cerimonia completa, dall’A alla Z: a pensarci a tutto l’occorrente il proprietario Hannes Rabanser con tutto il suo formidabile staff.

Stampa